lunedì, febbraio 01, 2010

Il sindaco Iervolino gela De Luca: bisogna trovare un candidato unitario

«Le primarie si fanno sempre o non si fanno mai. Non si possono fare soltanto quando fanno comodo»




(da www.corriere.it)

Trovare «l’unità» sul nome del candidato per le regionali. Questo l’appello lanciato dal sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino a tutte le forze del centrosinistra in vista delle prossime regionali. Il primo cittadino partenopeo, a margine della presentazione che si è svolta oggi alla Camera di Commercio del progetto di formazione rivolto a 25 neolaureati, è tornata a parlare della candidatura a presidente della Regione Campania del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca e della spaccatura all’interno della coalizione di centrosinistra che ha ingenerato. «Non sono tra quelli che devono fare la linea del partito – ha detto il sindaco Iervolino – perchè io sono il sindaco di Napoli e ho ben presente la distinzione tra partito e istituzioni, ma ho sentito il dovere di fare un appello a tutti affinchè si faccia un passo avanti o un passo indietro, quel passo che si deve fare per trovare l’unità del centrosinistra». Una sola candidatura unitaria che, dunque, ricompatti tutti i partiti del centrosinistra: questo l’auspicio della Iervolino, dopo gli strappi di Di Pietro e di Ferrero, perchè «in un momento così difficile per il Paese, l’alleanza di centrosinistra deve andare con un candidato unitario». Un invito che – il sindaco di Napoli tiene a precisare – non deve essere letto come un suo rifiuto alla candidatura di De Luca «ottimo sindaco e persona rispettabile da tutti i punti di vista». Una scelta, quella maturata dalla direzione del Partito Democratico, sulle cui modalità la Iervolino non è concorde. «Ho detto fin dall’inizio – ha concluso – che secondo me le primarie o si fanno sempre o non si fanno mai. Non si possono fare soltanto quando fanno comodo e non fare quando non fanno comodo, è un comportamento non rispettoso dell’elettorato».

DI PIETRO: NO AI CACICCHI – «Ci auguriamo che anche in Campania ci sia un atto di risipiscienza operosa da parte del Pd che, ormai isolato, si lascia condizionare da cacicchi locali e non dialoga con la coalizione», ha affermato il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, commentando la candidatura in Campania di Vincenzo De Luca. «L’Italia dei Valori – ha aggiunto – ribadisce l’impegno a costruire un’alternativa con il Pd e con gli altri partiti che come noi ritengono prioritario liberare il paese dal modello berlusconiano di governo che toglie a molti e dà a pochi e sempre ai soliti lobbisti della casta».

DILIBERTO – Un altro contrario alla candidatura di De Luca è Diliberto. «De Luca non va. Il Pd cambi idea. Insistere con De Luca significherebbe assumersi la responsabilità di frantumare l’alleanza e facilitare la vittoria della destra», afferma Oliviero Diliberto, segretario nazionale del PdCI. «Se resterà il nome di De Luca – continua Diliberto – il PdCI si adopererà per consolidare un polo alternativo, democratico, di sinistra e per la legalità, per costruire una vera discontinuità politica nella Regione».


Bassolino: Pd e candidature, sconcertante l'assenza di accordo

Per il presidente della Regione Campania il Pd avrebbe dovuto puntare su Trombetti


'E' davvero sconcertante e politicamente incomprensibile che non si sia ricercato con la determinazione necessaria un accordo su nomi esterni a singoli partiti ma capaci di unire la coalizione''. Lo afferma il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino. ''Eppure - aggiunge Bassolino – personalità come il rettore della Federico II Guido Trombetti avevano tutte le caratteristiche per meglio unire e competere, in una situazione certamente difficile, con il Pdl. Eppure era ed è del tutto evidente, in una fase come questa, il vantaggio politico di un nome esterno e nuovo rispetto ad ognuna delle possibili candidature provenienti sia dal Pd sia da altre forze politiche“. Anche dal sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino giunge un appello “a trovare l'unità sul nome del candidato per le regionali“. ''Non sono tra quelli che devono fare la linea del partito - afferma Iervolino – perché io sono il sindaco di Napoli e ho ben presente la distinzione tra partito e istituzioni, ma ho sentito il dovere di fare un appello a tutti affinché si faccia un passo avanti o un passo indietro, quel passo che si deve fare per trovare l'unita' del centrosinistra''.

Pd, Iervolino: "Serve candidato unitario"

"E' assolutamente necessario esprimere un candidato che possa raccogliere in modo unitario il consenso non soltanto del PD, ma di tutti i partiti della coalizione". Lo dice in una nota il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino intervenendo sulle primarie del centrosinistra in Campania. "Stiamo vivendo ore decisive - continua - per il futuro della nostra regione ed occorre più che mai che ognuno agisca con saggezza e senso di responsabilità". "E' il momento nel quale deve prevalere l'interesse collettivo a conservare alla Campania un governo che esprima i valori ed i progetti di giustizia, trasparenza solidarietà che caratterizzano il centro sinistra. Mi auguro che anche da Roma - conclude - giunga il sostegno a questa linea, che e l'unica coerente con le necessità del momento, ed esprimo solidarietà a Riccardo Marone e a Ennio Cascetta e per il modo generoso e costruttivo con il quale si sono comportati".

Posta un commento