mercoledì, giugno 24, 2015

Castellammare di Stabia: GARANZIA GIOVANI CONSEGNATI I PROGETTI ALLA REGIONE CAMPANIA PER I TIROCINII DI 79 GIOVANI


Saranno 79 i giovani che parteciperanno ai tirocini con finalità formative e di orientamento ospitati dal Comune di Castellammare di Stabia nell’ambito del progetto Garanzia Giovani, promosso su iniziativa di Regione Campania, Ministero del Lavoro e Unione Europea.
In data odierna il comune di Castellammare di Stabia ha inviato alla piattaforma regionale le schede progettuali per l’inserimento dei giovani in concrete attività dell’ente che riceveranno per sei mesi la complessiva somma di € 3.000,00, cioè € 500,00 al mese.
“E’ una grande opportunità per i nostri giovani cittadini –ha dichiarato il
sindaco Nicola Cuomo- che avranno la possibilità di formarsi in un ente pubblico. Non si promettono posti di lavoro ma forniamo un’occasione unica ai nostri ragazzi che saranno selezionati per i tirocini direttamente dalla regione Campania con modalità trasparenti e criteri rigidi e oggettivi come prevede la legge. Si tratta di un progetto costruito partendo dalle esigenze della città e che spazia in molti ambiti dell’Amministrazione: dall’ambiente alla comunicazione, dall’istruzione al bilancio, dalla cultura alle politiche giovanili, dalla manutenzione alla progettazione, dando così opportunità a diverse figure professionali e quindi a giovani con diversi tipi di formazione. Il Comune di Castellammare di Stabia formerà on the job i professionisti e i lavoratori  del futuro, d’altro canto ci aspettiamo da loro un grande contributo al miglior funzionamento della macchina comunale e soprattutto nei servizi ai cittadini”.
“Si tratta di una straordinaria opportunità costruita grazie al lavoro degli uffici comunali – ha aggiunto l’assessore al welfare e lavoro
Pasquale Orlando–Dopo l’approvazione della Regione ci sarà l’avviso pubblico che indicherà le modalità di partecipazione e tutte le informazioni utili agli interessati. Ricordo che presso l’Informagiovani è in funzione uno sportello informativo che può essere consultato per aiuti e consulenza.

Al termine del periodo di lavoro i giovani riceveranno un attestato ed una valutazione, entrambi molto importanti per il curriculum. Un tirocinio retribuito in un ente pubblico è davvero utile per presentarsi più forti sul mercato del lavoro”.

festa della cooperazione a Benevento! grazie all'ottimo presidente Rino Di Domenico


martedì, giugno 23, 2015

Benevento e la Rocca

«Che se alcuno dall’altana di questa rocca - ostello di principi e di ribelli, fortilizio e prigione - volesse girare intorno lo sguardo su la portentosa valle di Benevento, vedrebbe, nelle tracce di memorie di secoli, nubi e folgori tra rari sereni; la vita dei tempi ripalpita in questa tra le mirabili conche d’Italia»

Antonio Mellusi
L'origine della Provincia di Benevento (1911)


Il Presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci comunica che è stata fissata una Conversazione dal titolo “Benevento e la Rocca”, dedicata al monumento longobardo-rinascimentale,  comunemente noto coma “Rocca dei Rettori”, sede della Provincia.
L'appuntamento è fissato presso la Corte del monumento in piazza Castello del capoluogo sannita per lunedì 29 giugno 2015 alle ore 19.00 in occasione della presentazione del volume “La Rocca dei Rettori e i sistemi di difesa della città di Benevento dal Medioevo all'Unità d'Italia” di Francesco Bove e del compianto Carmelo Lepore (Rubbettino Editore, 2014).
Il Programma prevede:
-Note Introduttive: arch. Francesco Bove, saggista, co-autore del volume;
Relazionano:
-dott. Giuseppe De Lorenzo, giornalista;
-prof. Riccardo Valli, redattore “Rivista Studi Beneventani”;
Conclude: dott. Claudio Ricci, Presidente Provincia Benevento;
Modera: dott.ssa Enza Nunziato, giornalista.
Il saggio “La Rocca dei Rettori e i sistemi di difesa della città di Benevento dal Medioevo all'Unità d'Italia” è apparso per i tipi della Casa editrice di Soveria Mannelli (CZ) alcuni mesi dopo la scomparsa dell'illustre medievista Carmelo Lepore ed è frutto delle ricerche sue e di Francesco Bove, architetto e saggista, con il quale il docente intrattenne per anni intensi rapporti culturali ed intellettuali.
Anche per questo, dunque, la pubblicazione di Rubbettino acquista un significato particolare, che va ad aggiungersi a quello insito  nello studio sulla particolarissima struttura difensiva eretta sulla collina che domina la piana ove il fiume Sabato confluisce nel Calore, attraversata dalla strada consolare romana Appia.  

giovedì, giugno 18, 2015

IL COMUNE HA INVIATO ALLA PIATTAFORMA REGIONALE L’ISTANZA PER AVVIARE AL LAVORO OCCASIONALE I LAVORATORI CHE HANNO PERSO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Castellammare di Stabia:

 

Il comune ieri ha inviato alla piattaforma regionale l’istanza per utilizzare i voucher per lavoro occasionale per i lavoratori che hanno esaurito il periodo coperto da ammortizzatori sociali e sono attualmente senza alcun reddito.

Il Comune ha specificato i campi di attività e l’elenco di 32 lavoratori stabiesi che hanno prodotto regolare domanda rispondendo all’avviso pubblico.

In particolare l’Amministrazione utilizzerà le trecento ore di lavoro previste per ogni persona per:

Tutela e decoro delle aree pubbliche mediante il potenziamento delle attività di pulizia e manutenzione conservativa del patrimonio verde di proprietà o in gestione comunale , quali giardini pubblici, giardini di pertinenza delle scuole, giardini di pertinenza di edifici comunali, aiuole e marciapiedi stradali. Il presente progetto comprende quindi l’esecuzione di lavori di manutenzione ordinaria, sfalci dei manti erbosi, potature di siepi e arbusti, diserbo marciapiedi, scerbature manuali, formazione aiuole, annaffiatura fioriere.

Attività piccola manutenzione e monitoraggio urbano. Durante questa attività si svolgeranno opere di ripristino ambientale e piccola manutenzione di edifici comunali e di segnaletica stradale. Durante l’attività lavorativa sarà presente una attenzione formativa tesa a riqualificare il personale per un migliore inserimento professionale.

Per detto progetto l’amministrazione comunale metterà a disposizione i dispositivi di sicurezza, guanti, scarpe antinfortunistiche, pettorine fosforescenti per tutti i lavoratori che svolgeranno i lavori sopraindicati.

L’orario di lavoro sarà articolato in cinque ore quotidiane per cinque giorni alla settimana (escluso il sabato e la domenica salvo casi di necessità) per un totale di trecento ore.

 

L’assessore Pasquale Orlando afferma: “Si tratta non solo di una opportunità per affrontare la grave crisi familiare e di reddito di molti lavoratori ma anche una concreta opportunità per il comune di garantire una migliore quotidianità a tutti i cittadini, estendendo le aree e gli edifici da sottoporre a controllo, pulizia e manutenzione.

L’utilizzo dei voucher per lavori occasionali sarà anche l’occasione per qualificare il personale individuato e favorire il loro rientro nelle normali attività produttive –dichiara il sindaco Nicola Cuomo.Teniamo insieme l’impegno per affrontare i problemi della città e il giusto sostegno al reddito dei lavoratori che stanno affrontando una grave crisi con enormi disagi. Spero che la regione Campania in pochi giorni sia operativa e permetta alle amministrazioni locali di far partire i progetti lavorativi.


domenica, giugno 07, 2015

sabato, maggio 30, 2015

Castellammare di Stabia aderisce al programma Garanzia Giovani


La Giunta comunale di Castellammare di Stabia aderisce al programma Garanzia Giovani proponendo 79 tirocini presso le sue strutture. Tanti giovani potranno fare una importante esperienza di inserimento lavorativo e contribuire al bene comune. Una esperienza di lavoro e formazione importante in un Paese dove è ancora difficile per i giovani accedere a concrete opportunità lavorative e di cittadinanza sociale. Una scelta impegnativa per il Comune, che mentre assicura il massimo sostegno ai lavoratori in difficoltà apre le porte ai ragazzi e alle ragazze e progetta il futuro.
Una scelta che anche tante aziende private possono fare. Per loro e per i giovani in cerca di informazione e consulenza è attivo anche lo sportello dedicato presso linformagiovani al Palazzetto del mare.
p.o.





Garanzia Giovani Campania: Cos'è e come funziona


GG ADERISCILa Garanzia per i Giovani
Negli ultimi anni il precipitare della crisi economica in Europa come in Italia, ha reso per i giovani più complesso il passaggio dal mondo dell’istruzione e della formazione a quello del lavoro, facendo registrare livelli di disoccupazione giovanile molto preoccupanti in tutta Europa.
In considerazione della gravità della crisi, il Consiglio dell’Unione Europea il 22 aprile 2013 ha approvato una Raccomandazione (2013/C 120/01) con la quale è stato chiesto agli Stati membri di adottare provvedimenti in grado di garantire che tutti i giovani di età inferiore a 25 anni ricevano un'offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio entro un periodo di quattro mesi dall'inizio della disoccupazione o dall'uscita dal sistema d'istruzione formale («garanzia per i giovani»).
L’Italia ha accolto tale iniziativa con favore, impegnandosi a declinare e sviluppare in un Piano italiano sulla “Garanzia per i Giovani”, le raccomandazioni europee in materia di occupazione giovanile.
Il Piano italiano è stato trasmesso alle istituzioni europee a fine dicembre 2013, nell’ambito del quale le Regioni sono chiamate a realizzare, in qualità di Organismi Intermedi, i provvedimenti definiti nel Piano per incentivare la partecipazione dei giovani al mercato del lavoro e/o del loro rientro nel circuito educativo/formativo.
La Garanzia Giovani in Campania
In tale contesto la Regione Campania ha proposto il proprio modello di intervento nel Piano attuativo regionale (PAR) facendo leva sulla rete territoriale dei servizi competenti per il lavoro, pubblici e/o privati, per dare una risposta efficace ai giovani che si affacciano al mercato del lavoro dopo la conclusione degli studi.
Cos’è la Garanzia Giovani
CC COSALa Garanzia consiste nell’offerta a tutti i giovani di servizi individualizzati, accessibili tramite il sistema dei “servizi competenti” (secondo la definizione del D.Lgs. 181/2000 e ss.mm.ii.) e tramite i presidi che saranno attivati presso il sistema di istruzione e formazione per i giovani in prossimità di uscita per completamento dei cicli di istruzione oppure “da recuperare” se usciti anticipatamente dai percorsi di istruzione e formazione.
La rete regionale dei servizi e i presidi del sistema di istruzione e formazione dovranno funzionare con l’obiettivo di offrire ai giovani, entro quattro mesi, l’inserimento o reinserimento in un percorso di istruzione e formazione o in una esperienza di lavoro.
Il Piano di attuazione regionale 2014-2015
Le azioni prioritarie di Garanzia Giovani Campania, in coerenza con la strategia nazionale, sono i seguenti:
• l’accoglienza, presa in carico, orientamento, accompagnamento e consulenza per l’inserimento lavorativo;
• l’orientamento e il bilancio delle competenze;
• la formazione per l’inserimento lavorativo;
• il reinserimento dei più giovani in un percorso di istruzione e formazione;
• L’accompagnamento all’inserimento lavorativo
• la promozione e l’accompagnamento nei tirocini;
• la promozione di esperienze di servizio civile;
• il sostegno alla mobilità a fini professionali verso paesi esteri,
• il sostegno alla creazione e all’avviamento d’impresa;
• la promozione dell’inserimento occupazionale dei giovani attraverso bonus rivolti ai datori di lavoro.
Garanzia Giovani Campania e “Campania al Lavoro!”
L’obiettivo dell’inserimento lavorativo o del reinserimento in un percorso di istruzione e formazione potrà essere perseguito in Campania facendo leva anche sugli strumenti del piano “Campania al Lavoro” già impostati secondo una strategia di incentivi indirizzati prioritariamente all’assunzione dei giovani.
La Garanzia Giovani Campania propone alcune misure già presenti in “Caampania al Lavoro!” (es. Tirocini, Apprendistato, Microcredito) e ne modifica la modalità d’accesso in un modello integrato tra politiche attive e rete regionale dei servizi per il lavoro, l’istruzione e la fomazione.
La Garanzia Giovani Campania, infatti, è un progetto che si inserisce nell’ambito di una più complessiva strategia regionale per l’occupazione giovanile, già avviata con il progetto “Campania al Lavoro!” che proseguirà oltre il 2015 e in cui rientrano anche altri interventi finanziabili con il FSE ed altri fondi.
Come accedere alla Garanzia Giovani
Se hai tra i 15 e 29 anni e non studi né lavori (Neet) puoi accedere alle opportunità della Garanzia Giovani.
In coerenza con le indicazioni dell’Unione Europea e con il Piano nazionale, per poter usufruire delle opportunità messe a disposizione da Garanzia Giovani sarà obbligatorio iscriversi attraverso il form di registrazione della Regione Campania oppure dal portale nazionale  selezionando poi la Regione di interesse. Ogni giovane potrà infatti scegliere la Regione dove poter usufruire della Garanzia Giovani, indipendentemente dalla propria residenza.
L’operazione di registrazione invierà automaticamente l’adesione al Servizio Competente prescelto in fase di registrazione che contatterà il giovane per il primo appuntamento disponibile per un colloquio specializzato da parte di orientatori qualificati che prepareranno i giovani all’ingresso nel mercato del lavoro con percorsi di costruzione del curriculum e di autovalutazione delle esperienze e delle competenze.
Completata la fase di adesione e di presa in carico da parte del servizio competente il sistema Garanzia Giovani prevede la stipula di una “Piano di intervento personalizzato”(PIP) e la garanzia che entro 4 mesi dalla data della presa in carico  sarà offerta una misura tra quelle previste dal PIP.
Se hai tra i 15 e i 29 anni e non studi né lavori (NEET) clicca qui per accedere alla Garanzia Giovani Campania.