martedì, aprile 08, 2014

Renzi e Boldrini al Festival del volontariato di Lucca

Renzi e Boldrini al Festival del volontariato di Lucca

social_festival_volontariatoFIRENZE – Liberare le energie dell’Italia. Questo lo slogan del Festival del Volontariato organizzato dal Cnv e in programma a Lucca dal 10 al 13 aprile, dove sarà presente anche il premier Matteo Renzi. Tra gli ospiti la presidente della Camera Laura Boldrini, il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, il ministro del Welfare Giuliano Poletti, l’attrice Maria Grazia Cucinotta, il capo della protezione civile Franco Gabrielli, i giornalisti Alan Friedman, Luca Ricolfi, Giangacomo Schiavi.
Frutto di un lavoro di riflessione che ha visto il ruolo attivo di tutti i soggetti che fanno parte del mondo del Centro Nazionale per il Volontariato – organi associativi, Comitato Scientifico, Fondazione Volontariato e Partecipazione – il tema è la sintesi dello stesso percorso del Cnv degli ultimi anni. Interpella il volontariato sulle sue potenzialità espresse e inespresse e sui condizionamenti: le energie da liberare, togliendo i blocchi e gli ostacoli dovuti anche al riconoscimento non adeguato da parte delle istituzioni pubbliche e della società in generale. Il tema sarà declinato in ogni appuntamento del Festival, con grande attenzione al lavoro, l’urgenza nell’Italia della crisi.
«Siamo partiti – ha detto il presidente del Cnv Edoardo Patriarca – dalla necessità che il nostro Paese ha di nuova linfa vitale, di energie rinnovate: ne ha bisogno la politica, ne ha bisogno l’economia, ne ha bisogno anche il terzo settore. Protagonista del Festival sarà il volontariato italiano che colorerà e riempirà di valori e passioni la quattro giorni del Festival. I confronti durante i seminari saranno serrati e concreti: l’obiettivo è mettere in campo idee e progetti per dare il nostro contributo a migliorare il Paese».
http://www.comunicareilsociale.com/2014/04/08/renzi-e-boldrini-al-festival-del-volontariato-di-lucca/

domenica, aprile 06, 2014

fap acli Verona: tavola rotonda L'intelligenza collaborativa



pensiero


 Sabato 5 aprile,  tavola rotonda organizzata dalla Segreteria della FAP di Verona  dal tema: “L’intelligenza collaborativa”. Un incontro tra i dirigenti e i collaboratori  delle Acli di Verona per  riflettere sulle esigenze e sulle strategie future in rapporto al ruolo e alle collaborazioni tra le varie realtà che compongono il sistema delle Acli.  Un incontro operativo che vedrà la presenza di alcuni dirigenti nazionali e regionali. 
Leggi il programma

venerdì, aprile 04, 2014

La beffa di non toccare le pensioni.


L'Istat fotografa la situazione dei pensionati italiani. Dati che smentiscono ancora una volta l'idea che i nostri pensionati vivano nel Bengodi. Quattro su dieci percepiscono meno di mille euro al mese e sono sette milioni di italiani. Tra mille e duemila altri quattro mentre sopra i cinquemila euro restano solo l'1,3 per cento che magari hanno conquistato la pensione versando contributi elevati. 
" Il Governo assicura che non toccherà' le pensioni. Si tratta di un paradosso-afferma Pasquale Orlando segretario nazionale della Fap Acli- Le pensioni vanno toccate e subito, andrebbero almeno rivalutate all'inflazione reale che ha massacrati gli assegni negli ultimi anni.".


Inviato da iPad

mercoledì, aprile 02, 2014

fap acli: Un sito nuovo per il nuovo sindacato pensionati


logo_FAP-acli_rgb

http://www.fap-acli.it/

Un sito nuovo per il nuovo sindacato pensionati

“Questo nuovo sito Internet della Fap è una straordinaria occasione per segnare un cambio di passo del nostro sindacato. Il sito internet diventerà sempre di più lo spazio dove i nostri pensionati potranno dialogare proporre discutere”

Il sindacato in questi tempi non gode di buona reputazione. Viene indicato anche ai massimi livelli come un freno all’innovazione e al cambiamento.Come i partiti sembra essere scivolato nella muffosa definizione di vecchio, di arruginito, con un gruppo dirigente ritenuto parente della casta. Sembra come il vecchietto della nota canzone di Domenico Modugno: “dove lo metto?”.
Eppure noi, che certo siamo anziani e pensionati, ci siamo formati amando il sindacato che abbiamo conosciuto come uno straordinario strumento di emancipazione, partecipazione, tutela , rappresentanza e promozione umana e civile dei lavoratori e delle famiglie popolari.
Nel movimento dei lavoratori si cantava: “ Mia cara moglie stasera ti prego, dì a mio figlio che venga a sentire, che ha da capire che cosa vuol dire lottare per la difesa dei nostri diritti, per la difesa del mio sindacato, per il lavoro e la libertà”.
Sappiamo però che il cambiamento necessario al Paese passa anche il forte rinnovamento del Sindacato. Non siamo e non vogliamo bloccarci in una inutile nostalgia. In particolare per i pensionati è indispensabile un sindacato nuovo.
Scegliamo di essere sindacato nel momento in cui bisogna cambiarlo e vogliamo sperimentare tutta la capacità di innovare a partire da noi stessi.
I gloriosi sindacati dei pensionati  hanno alle spalle anni di sconfitte. Mancata rivalutazione delle pensioni, tagli alla spesa sanitaria a partire dalla territorializzazione ospedaliera e dall’incremento dei ticket, riduzione del welfare, abbattimento del fondo della non autosufficienza, promessa di ulteriori riduzioni delle pensioni. In dieci anni le pensioni hanno perso il 30 per cento del loro potere di acquisto.
Ripercorrere le liturgie degli ultimi anni non ha senso, è necessario piuttosto portare la vertenzialità sindacali nei territori, regioni e province dove si giocherà la ridefinizione del welfare locale, maturando la consapevolezza necessaria per ripartire dal mutualismo e l’autoorganizzazione dei servizi sociali messi a dura prova dalla crisi. Una lezione che ci viene dalla nostra appartenenza alle ACLI, associazione di promozione sociale con una storia popolare autentica.
In questo senso la FAP ACLI vuole essere il sindacato nuovo degli anziani e dei pensionati. Non per smania di nuovismo o per cedere alla brutta moda antisindacale. Piuttosto per riscoprire il senso di un luogo e un percorso di solidarietà tra le persone mettendosi alla prova dell’innovazione per garantire ai nostri soci migliore qualità della vita.
Vogliamo cambiare e lo facciamo anche dai segni della nostra comunicazione. Oggi inauguriamo il nuovo sito web con lo slogan: “non ci sono più i pensionati di una volta”. Un po’ di autoironia per una scelta forte.
Nella fase dell’allungamento della vita delle persone viviamo una duplice sfida: dare senso all’invecchiamento attivo e tutelare la non autosufficienza. Al centro della nostra azione previdenza, casa, fisco, lavoro e salute e tempo libero.. La forza del nostro sistema integrato (Patronato, Caf. Cta, Us. ACLI, Unasp, Ipsia,)e la straordinaria energia della terza età che rappresenta la maggioranza del volontariato italiano, con l’aiuto del Signore, ci faranno fare il salto di qualità che celebreremo al Congresso di quest’anno.

Pasquale Orlando

venerdì, marzo 21, 2014

IL turismo sociale per gli anziani per rendere concreto il diritto alla vacanza.


CTA, FAP e ACLI Lazio unite per la promozione del turismo sociale degli anziani e le famiglie. Importante riunione dei responsabili territoriali delle ACLI del CTA e della FAP presso la sede regionale Acli in Roma in via Prospero Alpino. Presenti il Presidente Nazionale del CTA, Pino Vitale, il segretario Nazionale FAP, Pasquale Orlando, il Presidente Regionale Acli Lazio,Umberto Soldatelli, il Presidente Regionale CTA Lazio Gerardo Coscia e i Presidenti Provinciali ACLI, CTA e FAP del Lazio.
Apprezzamento e' giunto da Gianni Bottalico Presidente Nazionale delle Acli il quale ha incitato il CTA a continuare nella sua azione e promozione di attivitá di diffusione del turismo sociale, responsabile e accessibile al fine consentire a tutti di usufruire del diritto alla vacanza negato a causa della crisi economica in cui versa il nostro Paese.


martedì, marzo 11, 2014

Acli e legalità. Una delegazione di Benevento a Casal di Principe per ricordare Don Peppe Diana.




Le ACLI di Benevento,  guidate da Filiberto Parente saranno a Casal di Principe visto l'avvicinarsi del ventennale dell'uccisione di Don Peppe Diana avvenuta il 19 marzo 1994.
L’occasione è data dalla presenza  del presidente Franco Iannella con il
con il  Coordinatore Comitato don Peppe Diana Valerio Taglione al primo
incontro in Campania- delle realtà aderenti all'Associazione Cultura contro
Camorra, per discutere e fare memoria di una realtà che consegna a noi
tutti il primato della cittadinanza attiva.
Con le ACLI Sannite- afferma il presidente delle ACLI - da anni stiamo
lavorando nella direzione di costruire Comunità  con  le reti associative,
il non profit e il Terzo Settore per  Educarci ed educare nel costruire
ponti, strade nuove. Per diventare concretamente “cittadini del mondo”,
come nel ricordo di testimonianza di Vita di Don Peppe Diana dobbiamo fare
memoria, per far maturare la consapevolezza di vivere e di appartenere ad
un’unica comunità mondiale per risolvere problemi drammatici, quali le
povertà e il mancato rispetto dei diritti umani, della giustizia e della
democrazia, problemi che affliggono gran parte delle nostre Comunità nel
nostro mezzogiorno d’ Italia.

venerdì, marzo 07, 2014

Pozzuoli. 8 marzo, un brindisi per la vita con Acli Dicearchia.


Benevento: Anche quest’anno l’8 e il 9 marzo le Gardenie dell’AISM

Anche quest’anno l’8 e il 9 marzo le Gardenie dell’AISM scendono nelle piazze d’Italia a supporto della ricerca e delle persone con sclerosi multipla.
Sul nostro territorio volontari dell’AISM, dell’Associazione Nazionale Carabinieri e delle Misericordie saranno attivamente impegnati nella distribuzione.  
Non facciamo mancare il nostro contributo e acquistiamo una piantina di gardenie: potremo donarla in occasione della Festa delle Donne.
I fondi raccolti saranno impiegati in progetti di ricerca finalizzati a trovare la causa e la cura risolutiva per la sclerosi multipla. 
Insieme, orientiamo la nostra azione verso una importante meta:

un mondo libero dalla SM