giovedì, giugno 13, 2013

UN QUINTO DI PENSIONE A GARANZIA DI UN PRESTITO

Sono un pensionato, e ho bisogno di un prestito per una spesa straordinaria che voglio fare per aiutare mio figlio. È vero che posso ottenere un prestito dall’Inps sulla pensione, restituendo poi cedendo ogni mese un quinto della pensione?

Un pensionato può ottenere un prestito da una banca, e rimborsarlo un po’ per volta, conferendo all’Inps la funzione di inviare ogni mese direttamente al creditore la somma da rimborsare, che non può essere superiore ad unquinto della pensione, facendo comunque salvo il trattamento minimo, che quest’anno è pari a euro 495,43. In sostanza, dall’importo lordo della pensione si deduce innanzi tutto il prelievo fiscale, quindi, sul netto ottenuto si calcola il “quinto”, che andrà corrisposto direttamente dall’Inps alla banca creditrice, decurtando la rata della pensione.

Se la rata della pensione decurtata è inferiore al minimo, la somma da destinare a restituzione del prestito sarà ridotta, in modo da garantire al pensionato il pagamento di una pensione non inferiore al minimo. Per ottenere un prestito con cessione del quinto, il pensionato deve richiedere all’Inps il rilascio di un documento denominato “comunicazione di cedibilità”nel quale viene indicato l'importo massimo della rata del prestito, che poi esibirà alla banca.

A garanzia del pensionato, prima di versare il quinto di pensione, l’Inps verificherà che il soggetto creditore sia in possesso dei requisiti richiesti dalla legge per questo tipo di operazione, e che venga applicato un tasso di interesse inferiore al "tasso soglia" anti-usura. Per favorire tali operazioni, l’Inps ha recentemente deliberato un nuovo schema di “Convenzione” con gli intermediari finanziari intenzionati ad erogare prestiti ai pensionati. 
Posta un commento