mercoledì, aprile 24, 2013

Toscana: La Fap sperimenta il mutualismo per salvare il welfare.

"La Fap ACLI vuole essere un soggetto attivo nella costruzione di un welfare possibile in questa fase caratterizzata da tagli e attacchi ai pensionati"-  lo ha affermato Pasquale Orlando segretario nazionale della Fap Acli ( federazione anziani e pensionati) intervenendo a Firenze al Comitato Regionale  della Toscana.
Il comitato introdotto dalla relazione del segretario regionale Paolo Formelli, ha chiesto l'uregente ripristino della indicizzazione delle pensioni ormai alla soglia della povertà considerando che milioni di anziani vivono con meno di 500 euro al mese. Contestualmente il comitato ha apprezzato le proposte di impegno diretto nella costruzione di pratiche mutualistiche e solidali a partire dal credito, dalla sanità leggera e dal turismo solidale.
Particolare interesse ha destato la proposta di Casa mare family Village un progetto che consentirà il diritto alla vacanze di molte famiglie popolari.
Alla riunione ha preso parte Emiliano Manfredonia, responsabile nazionale allo sviluppo associativo delle ACLI, che ha citato gli esempi di Papa Benedetto e Giorgio Napoletano come di anziani in grado di assumere forti e determinanti responsabilità indispensabili al cambiamento.

Posta un commento