lunedì, febbraio 04, 2013

LE NOVITA’ DEL MODELLO CUD 2013




 Il modello CUD 2013 è stato approvato con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dell’11 gennaio 2013. Il modello, che certifica i redditi di lavoro dipendente e i redditi a questi assimilati di cui agli articoli 49 e 50 del TUIR erogati nel periodo d’imposta 2012 ed assoggettati a tassazione ordinaria, separata, a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva, deve essere consegnato al contribuente entro il 28 febbraio 2013, ovvero entro 12 giorni dalla richiesta del dipendente in caso di cessazione del rapporto di lavoro. 


Il modello CUD 2013 deve essere utilizzato anche per l’attestazione dell’ammontare complessivo dei redditi corrisposti nell’anno 2012 che non hanno concorso alla formazione del reddito imponibile ai fini fiscali e contributivi, dei dati previdenziali e assistenziali relativi alla contribuzione versata o dovuta all’INPS, comprensivo delle gestioni ex INPDAP (la legge n.214/2011, di conversione del D.L. n.201/2011, ha disposto la soppressione dell’INPDAP e trasferito le funzioni all’INPS).

 Il punto 4 del provvedimento definisce le modalità per l’adempimento dell’obbligo di rilascio della certificazione dei redditi di natura finanziaria: è precisato al riguardo che se non è esercitata la facoltà di opzione di cui agli articoli 6 (regime del risparmio amministrato) e 7 (regime del risparmio gestito) del D.Lgs. n.461/1997, i notai, gli intermediari professionali, le società e gli enti emittenti, che comunque intervengono nelle cessioni e nelle altre operazioni che possono generare redditi diversi di natura finanziaria di cui all’art.67, co.1, lettere da c) a cquinquies) del TUIR, devono rilasciare alle parti, entro il 28 febbraio 2013, una certificazione contenente i dati identificativi del contribuente e delle operazioni effettuate; in tal caso, la certificazione deve recare l’indicazione delle generalità e del codice fiscale del contribuente, la natura, l’oggetto e la data dell’operazione, la quantità delle attività finanziarie oggetto dell’operazione, nonché gli eventuali corrispettivi, differenziali e premi.


Posta un commento