giovedì, settembre 06, 2012

Decreto Sanità, tutto quello che c’è da sapere


Sanità attiva 7 giorni su 7, 24 ore su 24: questo il motto del ministro della sanità Renato Balduzzi che ieri ha portato a casa, dopo ore di discussione in Consiglio dei Ministri, l’importante “decreto urgente per la crescita italiana mediante riforma della salute”. Una normativa molto dibattuta e che, quando era stata presentata a livello di bozze, molto aveva fatto discutere.

AGGREGAZIONI DI MEDICI - Alcune delle misure più controverse sono saltate, altre sono state confermate, altre sono state modificate. Ad esempio, le aggregazioni territoriali fra medici, sorta di grandi poliambulatori attivi sul territorio pensati con il dichiarato intento di decongestionare i codici bianchi dai pronto soccorso sono una realtà, ma cessano di essere obbligatori e diventano facoltativi – ci si chiede dunque quanto potranno diventare effettivamente una realtà concreta. I numeri dei medici di base parlano chiaro, nell’illustrazione di Ansa-Centimetri: ci sarebbe personale sufficiente per presidiare in maniera efficace il territorio.
Salterà anche il tetto di spesa per i medici di base.
BIBITE - Salta anche la tassa sulle bibite gassate, che aveva fatto emergere l’accusa di stato etico: il governo voleva imporre un prelievo fiscale sulle bevande analcoliche, ma nella versione definitiva del decreto abbiamo invece una soglia più alta ed obbligatoria di succo di frutta nelle bevande all’arancia.Almeno il 20% nelle bevande dovrà essere succo puro, il che ha già incontrato il favore della Coldiretti, visto che ci sono “altri 200 milioni di chili di agrumi da produrre”.
DENTRO IL MERITO - Nella sanità, dice il premier Monti, deve uscire la politica ed entrare il merito, come in Rai. Dunque la politica cessa di influenzare il processo di nomina dei primari che viene affidato interamente ad una “commissione di tre direttori di struttura complessa nella medesima specialità dell’incarico da conferire, individuati tramite sorteggio da un elenco nazionale costituito dagli elenchi regionali dei direttori di struttura complessa”, scrive l’Ansa. “Al direttore generale sarà presentata una terna di candidati idonei formata sulla base dei migliori punteggi attribuiti. Se il dg non dovesse nominare il candidato con migliore punteggio, dovrà motivare analiticamente la scelta”, continua la grande agenzia: “Non abbiamo nulla contro la politica”, ha detto Mario Monti, ma “la politica si è fatta strada in settori che politici non sono”.
LE ALTRE MISURE - L’area off-limits per i giochi e slot machines presso scuole ed ospedali si restringe, passando da 500 metri a 200 metri, e l’agenzia delle Dogane e dei Monopoli è delegata la patata bollente: “Verificare “possibili soluzioni tecniche” per impedire l’accesso per via telefonica o telematica al gioco per i minori di 18 anni”. Mille euro di multa per chi vende sigarette ad un minore, defibrillatori obbligatori in tutte le società sportive. Modifiche anche alla responsabilità dei medici per colpa lieve: sarà esclusa se il medico dimostri di essersi attenuto a ”linee guida e buona pratiche”.

Posta un commento