sabato, aprile 02, 2016

ricordando Giovanni Paolo II e il saluto di Napoli.

Esattamente 11 anni fa, il 2 aprile 2005, moriva  Papa Giovanni Paolo II, Karol Józef Wojtyła, nato a Wadowice 84 anni prima, il 18 maggio 1920. Eletto Papa il 16 ottobre 1978,  è stato il primo pontefice polacco nella storia. 
Il suo pontificato è durato 26 anni, 5 mesi e 17 giorni ed è stato il terzo più lungo della storia dopo quello di Pio IX e quello tradizionalmente attribuito a Pietro apostolo. 
Proclamato  beato dal suo immediato successore Benedetto XVI, viene festeggiato annualmente nel giorno del suo insediamento, il 22 ottobre. Il 27 aprile 2014 è stato proclamato santo da papa Francesco.

(Da ANSA del 02.04.2005)
Per i Funerali Solenni del Santo Padre si è scritto tanto, tantissimo, sono stati allestiti maxschermi, da tutte le parti del globo sono giunte a Roma delegazioni, politici e regnanti. 

In tutte le città d'Italia e del mondo si sono svolte veglie e preghiere che hanno visto la partecipazione di milioni di persone. 

Centinaia di migliaia di persone hanno partecipato venerdì 08.04.2005 dalle ore 10.00, in diretta da Piazza San Pietro, all'estremo saluto a Karol Wojtyla, al Papa che ha per 26 anni circa guidato la Chiesa e indicato la strada a tutti gli uomini di buona volontà. 

----------------------------------------------------------------------------------

Napoli - Piazza del Plebiscito - 08.04.2005 
A Napoli, in Piazza del Plebiscito, dove sono stati allestiti due maxschermi, dalle ore 08,30 sono affluiti migliaia di cittadini, scolaresche intere e gruppi delle associazioni cattoliche per partecipare in diretta al funerale del Papa. 

In prima fila alte personalità politiche e civili della città hanno voluto partecipare al momento solenne, hanno voluto dare l'ultimo saluto al Santo Padre, Giovanni Paolo II.
Le Acli di Napoli e della Campania spinsero molto per consentire ai napoletani di partecipare in modo corale a questo triste e straordinario momento vissuto da tutta l'umanità e contribuirono molto alla sua realizzazione.


 Eleonora Cavallaro allora presidente regionale Acli salutò le trentamila persone intervenute.
le dichiarazioni di quel giorno:

Le Acli di Napoli pregano per Giovanni Paolo II
Afferma il presidente delle Acli provinciali di Napoli Pasquale Orlando: «Questo Pontefice ha dato un grande, grande contributo al mondo del lavoro e alle questioni sociali. In particolare con le encicliche Laborem exercens ”Sollicitudo rei sociali” e ”Centesimus annus”. Questa sua attenzione ci ha fortemente incoraggiati, come del resto il suo sguardo diretto ai paesi più poveri. È stato Giovanni Paolo II a coniare l’espressione ”globalizzare la solidarietà” e a parlare dell’interdipendenza tra i popoli». Curiosità: le Acli napoletane avevano in programma per il prossimo 1 maggio un pellegrinaggio in piazza San Pietro, quaranta pullman già prenotati per portare a Roma 2000 persone: «Avremmo voluto - conclude Orlando - incontrare il Papa-operaio e festeggiare con lui la festa dei lavoratori. Ricordiamo ancora quando nel corso di una sua passata visita a Napoli e Pompei incontrò i caschi gialli dell’Italsider di Bagnoli e altri lavoratori. Fu un momento bellissimo e indimenticabile come quello vissuto con i nostri giovani a Pompei e precedentemente ad Ischia con il nostro centro turistico. Preghiamo insieme nei cento circoli delle acli napoletane.


Lunedì, 04 aprile 2005
Posta un commento