mercoledì, novembre 21, 2012

Molise solidale. La qualità fatta per il popolo “CURE CON CURA” Percorsi Diagnostico Terapeutico assistenziali


Si è svolto questa mattina, e per la prima volta a Campobasso, un incontro di progettazione tra l’arcivescovo di Campobasso – Bojano S.E. Mons. GianCarlo Bregantini e Presidente della Commissione Lavoro, giustizia e Pace per la CEI, e il Presidente e vice Presidente del Welfare Italia, dott. Giovanni Dotti e dott. Stefano Cerrato, per la presentazione di “Cure con cura” un progetto innovativo intorno alla cura persona. Sono stati presenti inoltre, il segretario nazionale della FAP ACLI Pasquale Orlando ed Enzo Scialò delle Acli Molisane. In questi ultimi anni le attività del territorio sono state abbandonate e si sono raggruppate sui grandi ospedali concentrando la “persona” dentro un mercato asimmetrico ed individualista. « Questi incontri sono favorevoli nel contesto di questo tempo di crisi in cui la criticità spinge l’uomo al bisogno e alla riconversione qualitativa e creativa per ritrovare forma dentro sistemi e servizi in cui la tecnica contribuisce a soddisfare la domanda del popolo, attraverso un ventaglio di opportunità» – ha detto nella premessa dell’incontro, mons. Bregantini-. «Il bisogno della persona è infatti l’obiettivo principale del progetto –come ha illustrato il Presidente del Welfare Italia, Dotti durante la presentazione del progetto – che si inserisce dentro quei bisogni sottili legati al territorio rispetto ai bisogni che hanno preso un mercato di natura speculativa, priva di scelte morali. La conseguente concentrazione di ricchezza non ha creato posti di lavoro. Il progetto punta sulla qualità fatta per il popolo e non solo di tipo solidaristica. Una impresa culturale deve valorizzare al massimo le realtà territoriali dentro un accordo che stabilisce che tali attività, si realizzano anche a livello nazionale così come ciò che facciamo con Welfare Italia Servizi che è il controllo del consorzio nazionale della cooperazione sociale con la finalità di promuovere il benessere della comunità, promuovendo servizi di qualità a prezzi accessibili ». La realizzazione di un percorso, che pone al centro la cura della persona, in una nuova forma di governo dei beni comuni per costruire una dignità di rapporto, è stato articolato infine nell’intervento del vice Presidente del Welfare Italia, Stefano Cerrato, proponendo « l’impegno a ricomporre percorsi di cura della persona, in sintonia con la sanità pubblica e in accordo con le realtà già presenti nei territori che si traduce in proposta innovativa di “listino” che porti alla creazione nel tempo di “Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali”».
Posta un commento